Stampa questa pagina

Il Piemonte - arancione da lunedì 12 aprile , Torino compresa; Cuneo da mercoledì

Vota questo articolo
(0 Voti)
Il Presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, ha firmato oggi il nuovo decreto n.47 con le misure di contenimento da Covid-19.
 
Riepilogo delle regole zona arancione in vigore da lunedì 12 aprile in tutte le province del Piemonte tranne quella di Cuneo che rimane in zona rossa fino a mercoledì 14 aprile:
 
RISTORAZIONE
  • Sospesa l'attività di somministrazione di bar, ristoranti e servizi per la ristorazione
  • L’asporto è consentito fino alle ore 18 per ATECO 56.3 (bar senza cucina) e 47.25 (commercio di bevande), fino alle ore 22 per tutte le altre attività di ristorazione.
  • E' fatto divieto di vendita per asporto di bevande alcoliche – anche tramite apparecchi automatici – dalle ore 20,00 alle ore 7,00 agli esercenti di attività commerciali al dettaglio, agli esercenti di attività di somministrazione di alimenti e bevande che non svolgono come attività prevalente una di quelle identificate dal codice ATECO 56.3;
  • Sempre permessa la consegna a domicilio
COMMERCIO E SERVIZI
  • Apertura dei negozi al dettaglio di ogni merceologia
  • Accesso alle attività commerciali al dettaglio, al fine di limitare al massimo la concentrazione di persone, è consentito ad un solo componente per nucleo familiare, fatta eccezione per la necessità di recare con sé minori, disabili o anziani
  • Apertura dei mercati anche extra-alimentari
  • Apertura dei parrucchieri e dei centri estetici
  • Apertura dei centri sportivi
  • Chiusura nel weekend dei centri commerciali (ad eccezione delle farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, generi alimentari, fiorai, tabaccherie, edicole e librerie presenti al loro interno)
  • Sospensione delle attività di sale giochi, sale scommesse, bingo e slot machine anche nei bar e tabaccherie, delle palestre e delle piscine.
CULTURA
  • Chiusura di musei e mostre, teatri e cinema
  • Permane la chiusura di sale da ballo e organizzazione eventi
SPOSTAMENTI
  • Sì agli spostamenti all’interno del proprio Comune senza autocertificazione
  • Vietati gli spostamenti al di fuori del proprio Comune e dalla Regione, salvo che per lavoro, studio, salute o necessità.
  • Consentiti gli spostamenti dai Comuni con meno di 5000 abitanti per una distanza non superiore ai 30 km, ma non verso i capoluoghi di provincia.
COPRIFUOCO
 
Vietato circolare dalle ore 22 alle 5 del mattino salvo comprovati motivi di lavoro, necessità e salute.