Stampa questa pagina

Novità per il cambio dei veicoli aziendali ad alto impatto ambientale - Modificato il bando regionale per i contributi a fondo perduto

Vota questo articolo
(0 Voti)

È stato pubblicato il nuovo bando della Regione Piemonte per contributi finalizzati alla sostituzione con rottamazione dei veicoli commerciali ad alto impatto ambientale, con nuovi veicoli aziendali per il trasporto in contro proprio , elettrico puro, ibrido (benzina/elettrico solo Full Hybrid o Hybrid Plug In3), metano esclusivo e GPL esclusivo, metano o GPL bifuel (benzina/metano e benzina/gpl).

Il contributo è riconosciuto pure per le spese di conversione di veicoli aziendali (M1, M2, N1, N2, N3) in veicoli dotati di sistemi di trazione che utilizzano esclusivamente combustibili diversi dal gasolio, quali elettrico, metano, GNL, GPL, bifuel benzina (benzina/metano e benzina/GPL).

Rispetto al bando precedente, è stata ampliata la tipologia dei veicoli oggetto della misura, con l’estensione alle categorie M1 (trasporto di persone, fino a otto posti a sedere oltre al sedile del conducente e massa massima non superiore a 5 t) ed M2 (trasporto di persone, con più di otto posti a sedere oltre al sedile del conducente e massa massima superiore a 5 t) e N3 (veicoli per il trasporto di merci, con massa massima superiore a 12 t). Categorie che, a questo punto, si aggiungono a quelle già ammesse: N1 (veicoli destinati al trasporto di merci, aventi massa massima non superiore a 3,5 t) ed N2 (veicoli destinati al trasporto di merci, aventi massa massima superiore a 3,5 t ma non superiore a 12 t).

Le domande possono essere presentate tra il 1 giugno e il 30 novembre, da micro, piccole e medie imprese con sede in Piemonte registrandosi prima sul sito www. registroimprese.it e successivamente accedendo al portale di Infocamere, http://webtelemaco.infocamere.it.

Ciascuna impresa può presentare domanda di contributo per non più di dieci veicoli, a fronte di dello stesso numero veicoli commerciali rottamati o convertiti e per ogni singolo contributo ammesso è prevista un’assegnazione tra i mille e i 10 mila euro, a seconda dell’entità della sostituzione o della conversione.

Da sottolineare che la spesa sostenuta per il cambio dell’autoveicolo potrà essere integralmente finanziata attraverso un finanziamento regionale a tasso convenzionato, assistito da un ulteriore contributo a fondo perduto cumulabile con quello ambientale: è infatti in fase di definizione un ulteriore provvedimento regionale a sostegno degli investimenti delle imprese di tutti i settori, gestito da Finpiemonte.

Gli uffici delle Ascom Confcommercio provinciali sono a disposizione per informazioni ed assistenza nella predisposizione della domanda.